Dimenticate il Fiscal Cliff

Di Stephanie Kelton

21 dicembre 2012

“Guarda! Lì in cielo! E’ il ‘fiscal cliff’”. E’ un baratro. E’ un percorso a ostacoli.

La verità è che non importa come lo chiamiamo. Importa solo ciò che è: un dissennato pacchetto di sedativi economici che avanzano minacciosamente verso un Congresso che zoppica come una papera.

Questo intruglio preparato frettolosamente fatto di indiscriminati tagli alla spesa e di aumenti di tasse per tutti dovrebbe costringere il Congresso ad affrontare seriamente il debito e il deficit americani. Leggi tutto…

Intervista esclusiva a DANIEL ESTULIN

IL MANIFESTO DI SALVEZZA ECONOMICA NAZIONALE

Fonte: http://paolobarnard.info

“NON ERAVAMO PIIGS, TORNEREMO ITALIA”

Un anticipo di Rimini e Cagliari, Ott. 2012

di Warren Mosler e Paolo Barnard

(iscrivetevi ai 2 summit, posti disponibili, qui http://www.paolobarnard.info)

Premessa:

Dato che la nostra economia rimane a livelli di depressione del tutto artificiosi.

Dato che la BCE offre fondi legati a condizionalità che mantengono in vita la nostra depressione economica.

Dato che la BCE non ha mostrato alcuna intenzione di ammorbidire quelle condizionalità.

Dato che la UE non ha mostrato alcuna intenzione di ridurre la disoccupazione ammorbidendo i limiti ai deficit di bilancio nazionali dettati da Maastricht.

Dato che la UE e la BCE hanno mancato di riconoscere il ruolo dei Deficit Positivi per sostenere la piena occupazione, la produzione aziendale e i risparmi.

Dato che l’inflazione da eccesso di domanda non è un pericolo finché la produzione non si riduce drammaticamente.

Dato che noi consideriamo le politiche che deliberatamente sostengono livelli alti di disoccupazione un crimine contro l’umanità.

Dato che le presenti politiche della UE e della BCE necessariamente manterranno la disoccupazione elevata e ridurranno i termini reali degli scambi commerciali.

Dato che i Trattati fondanti dell’Eurozona che hanno drasticamente limitato le nostre sovranità non furono mai sottoposti a un’analisi indipendente, né al consenso democratico dei cittadini.

Dato che l’intera struttura dei poteri sovranazionali della UE si fonda sulle inapplicabili ideologie Neoclassiche e Neoliberiste che necessariamente escludono qualsiasi possibilità di piena occupazione sostenibile, cioè di “Finanza Funzionale” per i popoli.

Dato che è ora chiaro che le politiche di Austerità di Mario Monti hanno fatto precipitare il Paese nella recessione, che sta divenendo piena depressione economica, attraverso uno sforzo che si fonda su teorie inapplicabili, ma anche su un preciso piano di spoliazione del bene comune a favore di pochi. Leggi tutto…

Categorie:MMT

La Politica della Carenza

settembre 26, 2012 2 commenti

di Paolo Barnard

Io qui parlo di ciò che colpisce al cuore i diritti umani e la dignità umana riscattati dopo 5.000 anni di abietta schiavitù in Europa. E quanto segue è terribilmente importante, per chi sa capire. Non sono molti questi ultimi. Il fatto è che la stragrande maggioranza degli intellettuali sceglie di ignorare gli aspetti più micidiali della recente evoluzione storico-economica europea per un motivo, che non è sempre convenienza o asservimento a un Potere, ma è qualcosa di molto più umano: terrore. Quando posti di fronte a ricerche molto ben documentate come la mia, o, molto più autorevoli sono quelle degli studiosi che mi accompagnano, essi, gli intellettuali, si fanno prendere dal panico, un terrore incontenibile e intimo causato dal fatto che in effetti le cose stanno veramente come noi diciamo. Essi non sono equipaggiati per affrontarle, e la violenza della loro reazione – siamo complottisti, pagliacci, prezzolati, dementi ecc. – è proporzionale a quel terrore. Per voi pochi capaci di reggere la realtà, eccola. Leggi tutto…

Il pr€zzo della libertà

.

Questo video è il frutto della collaborazione degli attivisti della Modern Money Theory: Giacomo Bracci, Lorenzo Carità Morelli, Shirin Chehayed, Paola Coacci, Giuseppe Cristofani, Emanuele Fietta, Emiliano Galati, Antonello Martinez Gianfreda, Federico Greco, Mara Guidi, Walter Impellizzeri, Francisco La Manna, Fiore Ranauro, Yuri Refolo, Daniele Santolamazza, Nunzia Valerio, Emiliano Vernizzi.

– Per maggiori info consultate il sito:


Categorie:MMT

“NON ERAVAMO PIIGS. TORNEREMO ITALIA”

settembre 11, 2012 2 commenti

“NON ERAVAMO PIIGS. TORNEREMO ITALIA”

Apre il conto corrente per una delle più cruciali tappe della storia italiana.

E’ per la vostra Storia, questo riguarda voi. Apre il conto corrente (in calce) per “NON ERAVAMO PIIGS. TORNEREMO ITALIA”. Con una breve premessa.

Da La Repubblica, 1 Settembre 2012: “L’Italia non esce dalla crisi. Peggio. Sprofonda sempre più in basso e il tasso di disoccupazione nel secondo trimestre 2012 vola… Nuovo record per il tasso di disoccupazione dell’eurozona che a luglio è salito al livello più alto dalla nascita della moneta unica”.

Già così sarebbe una tragedia. Ma è peggio. E’ solo un sintomo di una devastazione europea pianificata a tavolino per l’esclusivo beneficio di Francia e Germania. I minatori italiani si svenano di fronte ai fotografi, gli imprenditori italiani si danno fuoco davanti ai Palazzi, tuo figlio si è laureato per 900 euro al mese, un esame del sangue costa 30 euro, le donne percepiscono una media di 500 euro al mese di pensione, eravamo Italia, oggi siamo i PIIGS, i Maiali d’Europa. Mario Monti regala due miliardi di euro di vostri soldi al Monte dei Paschi di Siena, ma voi dovete fare i ‘sacrifici’, voi sani, voi ammalati, voi senza aiuti, con le scuole a pezzi, con le banche alla gola, con la benzina alla follia, senza futuro. E il peggio deve ancora venire, questo è solo l’assaggio.

A Rimini e a Cagliari, nelle date del 20-21 e 27-28 Ottobre 2012 quattro fra i maggiori economisti internazionali, scuola Modern Money Theory, con a capo il consigliere di Obama James Kenneth Galbraith

·      Ci informeranno di come l’Italia può tornare sovrana, prospera, e democratica per il 99% di noi, salvando aziende e occupazione.

·      Sfateranno i fantasmi-truffa dei cosiddetti pericoli dell’uscita del nostro Paese dall’Euro.

·      Ci daranno gli strumenti concreti per entrare al Ministero del Tesoro a Roma e saper guidare l’Italia fuori da questo incubo.

Dato il carattere storico della crisi, questo è un appuntamento che farà la storia d’Italia.

E adesso tocca a voi.

I due convegni costeranno oltre 100.000 euro, fra voli, alberghi (non di lusso), parcelle (ridotte del 50%), sale con costi relativi, service tecnici, security, assicurazioni, trasporti, traduttori, attrezzature, ecc. Noi ci abbiamo messo gli anni di studi, di lotte, di divulgazione, tutto il lavoro per arrivare fin qui, e sempre gratis. Ora vi chiediamo di aiutarci a farcela. Chiediamo due quote di partecipazione: 40 euro per i cittadini, e 100 euro per gli imprenditori*, da versare sul conto qui sotto via bonifico bancario. La copia del bonifico varrà come biglietto d’entrata. Ma attenzione:

Dobbiamo confermare le sale di Rimini e Cagliari entro il 5 Ottobre. Se per quelle date i versamenti saranno pochi, piccola sarà la sala. Ma poi nessuno si lamenti se rimane fuori. VI PREGHIAMO di versare entro breve.

Chi ha partecipato al summit MMT di Rimini nel Febbraio scorso sa che ogni singolo euro donato allora è stato rendicontato. (si veda http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=385 )

Per la logistica del dormire la notte del sabato vi forniremo i contatti per camere economiche (Rimini/Cagliari) fra breve.

Metteteci il corpo, la mente, e i mezzi. Senza anche uno solo di questi elementi, tutto è vano, non si cambia la propria Storia. Perché è per la vostra Storia che fate questo. Spero che l’abbiate capito.

Paolo Barnard

IL CONTO, LE CAUSALI

Il c/c su cui versare ha questo IBAN:  IT16K0200802455000101819809

Banca Unicredit, Bologna, ag. Bologna Dante, via Dante1/E

Intestatario: Paolo Rossi (il secondo cognome Barnard è omesso dal conto)

Per chi versa dall’estero il codice SWIFT/BIC è UNCRIT M1PM5

CAUSALI:

Per il convegno di Rimini scrivere: COGNOME E NOME donazione/liberalità per summit MMT Rimini

Per il convegno di Cagliari scrivere: COGNOME E NOME donazione/liberalità per summit MMT Cagliari

* (coordinati da REIMPRESA dell’imprenditrice Rossella Giavarini: rossella@giavarini.it)

Fonte:

http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=429

http://democraziammt.info/site/2012/08/03/summit-mmt-cagliari-rimini-ottobre/

 

Categorie:MMT

Un’uscita pilotata dall’euro

di Daniele Basciu

22 agosto 2012. Pubblicato su democraziammt.info

L’uscita pilotata dall’area euro e l’applicazione della Modern Money Theory sarebbe per l’Italia l’unica via di fuga dall’attuale devastante spirale deflazionistica.
Per riniziare a emettere la propria valuta (che chiameremo “Nova”) l’Italia dovrebbe annunciare che in un tempo tecnico strettissimo inizierà ad imporre e riscuotere le tasse esclusivamente nella nuova valuta.
Dovrebbe poi annunciare che da quel momento effettuerà tutti i pagamenti utilizzando esclusivamente la nuova valuta, che emetterà in regime di monopolio. Lo Stato si troverebbe così nelle condizioni di potersi autofinanziare senza ricorrere a tassazione o indebitamento attraverso emissione dei titoli di Stato.
I contratti tra settore pubblico e altri soggetti (nazionali e internazionali) dovrebbero essere ridenominati in “Nova”.
I depositi bancari e mutui denominati in Euro resterebbero denominati in euro. Lo Stato potrebbe, se necessario, intervenire per rilevare i mutui delle famiglie in difficoltà. Il settore privato e tutti i committenti esteri che intrattengono rapporti commerciali con soggetti italiani cercherebbero di commutare spontaneamente in Nova enormi volumi di euro, imprimendo una forte spinta all’apprezzamento della nuova valuta. Il livello di tasso di cambio definitivo Nova/Euro  sarebbe stabilito dal mercato. Leggi tutto…

Categorie:MMT
NON PIU' CHICCHI DI MAIS (Per un mondo migliore...)

Economia, Finanza, Politica Monetaria, Modern Money Theory, Crisi Economico-Finanziaria