Home > MMT > Il banchiere indignato di Goldman Sachs

Il banchiere indignato di Goldman Sachs

L’editoriale sul NYT “siamo cinici e senza morale”

Una banca senza etica, dove i clienti vengono chiamati “pupazzi” e l’ambiente di lavoro è tossico e distruttivo. L’ex dipendente Greg Smith ha ritratto così Goldman Sachs in un editoriale e insieme annuncio di dimissioni, pubblicato sul New York Times, “Why I’m leaving Goldman Sachs”, prima di lasciare la carica di dirigente del settore derivati in Europa, Africa e Medio Oriente. Sino a ieri sera il suo articolo online ha superato i 3 milioni di lettori.
“Negli ultimi anni la società è cambiata molto: oggi mette da parte costantemente gli interessi del cliente per fare soldi, che è diventata l’unica preoccupazione dei vertici”, ha spiegato Smith, “l’obiettivo non è più guadagnare insieme al cliente, ma arricchirsi a ogni costo, anche a spese del cliente stesso”. L’ex dirigente, che ha lavorato nell’istituto per oltre 12 anni prima di dimettersi questa mattina, ha rivelato anche di avere visto spesso i dirigenti chiamare i clienti “pupazzi” nelle email interne.
Immediata la reazione di Goldman Sachs, che ha preso le distanze dalle dichiarazioni dell’ex manager. “Non siamo d’accordo con le affermazioni di Smith, che non rispecchiano il modo in cui opera la società”, ha detto un portavoce dell’istituto, “il nostro obiettivo è raggiungere il successo insieme ai clienti” .
Nell’editoriale pubblicato sul quotidiano newyorkese, Smith ha descritto il declino morale della banca negli ultimi anni. “Quando i libri di storia scriveranno di Goldman Sachs, diranno che durante il mandato dell’attuale amministratore delegato, Lloyd C. Blankfein, e del presidente, Gary Cohn, la cultura aziendale è andata persa”, ha avvertito, prevedendo che “il declino dell’etica dell’istituto ne minaccerà l’esistenza”.
Il giudizio di Smith su Goldman Sachs ricorda come “In passato, la cultura aziendale era basata su lavoro di squadra, integrità e umiltà, ovvero i valori che hanno portato Goldman Sachs al successo”, ha spiegato. “Ma adesso non c’è più traccia di questi principi e l’ambiente è tossico e distruttivo come non si era mai visto”.
Annunci
Categorie:MMT
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

NON PIU' CHICCHI DI MAIS (Per un mondo migliore...)

Economia, Finanza, Politica Monetaria, Modern Money Theory, Crisi Economico-Finanziaria

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: